Ristrutturazione di case coloniche in Toscana

 

Progetto: Ristrutturazione di case coloniche a Valle di Sotto e Grezzano

Luogo: Valle di Sotto (Bagno a Ripoli - FI), Grezzano (Impruneta - FI)

Anno: 2000-2002

Committente: Privato

Gli interventi si collocano nei comuni di Bagno a Ripoli e di Impruneta, in zone a vocazione prevalentemente agricola. In entrambi casi il paesaggio è stato di stimolo e di guida per proporre interventi che nel rispetto del “GENIUS LOCIS” si ponessero l’obiettivo di evidenziare e di manifestare la reale possibilità di recuperare vecchi edifici rurali attraverso l’utilizzo di materiali naturali e di dotazioni impiantistiche capaci di renderli confortevoli, senza essere invasive, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente e delle tradizioni costruttive locali.

I progetti di ristrutturazione realizzati hanno previsto modifiche interne per la ridistribuzione degli spazi e l’adeguamento ad oggi degli standards abitativi, il rifacimento di alcuni solai e del tetto, la dotazione di impianti tecnologici, interventi di risanamento e isolamento termico delle murature e dei pavimenti contro terra e l’adeguamento strutturale alla normativa antisismica.

Per assicurare idonee condizioni di isolamento termico negli ambienti interni peggio esposti, sono stati collocati degli opportuni condotti di luce, capaci di illuminare con luce naturale senza far ricorso a lampade artificiali ed assicurando quindi sia una giusta qualità di luce che un congruo risparmio energetico.

Nell’edificio di Valle di Sotto, un tetto verde sopra il vano ha permesso di non interrompere la continuità dell’aia davanti alla casa creando invece una piacevole terrazza verde verso le colline vicine.

Al fine di allontanare il più possibile le masse ferrose e le componenti tecnologiche, entrambi capaci di alterare significativamente i campi elettromagnetici naturali negli spazi di vita, l’edificio è stato dotato di un vano tecnico e di un garage, separati dall’abitazione ed adeguatamente ed opportunamente interrati nella collina in modo da limitare il più possibile il loro disturbo al paesaggio ed alla naturalezza del luogo.

In entrambi i casi particolare attenzione è stata posta all’uso dei materiali.

Ad esempio, per l’isolamento termico del tetto, delle pareti e dei pavimenti sono stati utilizzati il sughero e la fibra di legno, gli intonaci sono di grassello di calce e colorati in pasta con pigmenti naturali e, il cemento utilizzato per i cordoli di coronamento è esente da additivazioni.

Tutte le pitture murali ed i prodotti di trattamento del legno e del cotto sono non di sintesi chimica ma a base di prodotti naturali.

E’ stato favorito il reimpiego dei materiali esistenti e, la sostituzione di quelli danneggiati con materiali di recupero.

 

 

 

 

Sede legale e operativa: Via La Marmora, 51 - 50121 Firenze
tel. +39.055.4089253 - fax +39.055.475593 - email: info@bios-is.it
C.F. e P.IVA 06393070484 - C.C.I.A.A. di Firenze n° 06393070484 - R.E.A. FI 624950