Kerakoll GreenLab

 

Progetto: Nuovo Centro Ricerche Kerakoll.

Luogo: Sassuolo (MO).

Anno: Gennaio 2012.

Committente: Kerakoll spa.

Ispirato dall'ambiente naturale della zona di Sassuolo ove affiorano tra specchi d'acqua le Salse di Nirano, caratteristiche formazioni del sistema collinare della zona, il progetto rimanda nella sua forma a figure zoomorfe e fitomorfe e rappresenta la memoria storica dei forni per la produzione della calce e delle ceramiche di tradizione storica locale. Tecnologia e natura si esprimono in un guscio asimmetrico che prende forma dalla terra e dalle acque sotterranee sospinte verso l'alto dai gas che lo perforano, elementi che simbolicamente si ritrovano nelle pareti massive e nella copertura leggera rivestita in trencadis di ceramica bianca, che appare sospesa e fluttuante.

L'efficienza energetica dell'involucro è integrata dalla scelta di impianti per la climatizzazione invernale ed estiva studiati per abbattere i consumi energetici e controllare localmente i parametri termoigrometrici dei singoli ambienti. La climatizzazione degli ambienti è ottenuta attraverso l'uso di un sistema radiante a soffitto utile a garantire un elevato livello di comfort interno e a ottimizzare l'efficienza del sistema di produzione dell'energia, da pompa di calore geotermica a sonde di captazione verticali, collocate nel terreno in prossimità dell'edificio. Il controllo puntuale delle condizioni locali di comfort e l'ottimizzazione della gestione degli impianti di climatizzazione ad integrazione e supporto dei componenti bioclimatici sono tra gli assist di progetto.
 
   

1.Materiali sani e naturali

 

Realizzato con termoblocchi in argille naturali e farina di legno con marcatura CE, struttura in acciaio e legno per la copertura certificato di provenienza europea, bassoemissivo di sostanze potenzialmente aggressive, isolato con pannelli di fibre di legno certificate biocompatibili; le pareti “respirano” attraverso il termointonaco e le pitture a base di calce idraulica naturale prodotte dalla linea Biocalce.

   

2. Fotovoltaico e Building automation (1° premio Domotica 2008-Modena)

 

La gestione funzionale ed energetica dell’edificio è ottenuta tramite controllo “intelligente” e remoto degli impianti elettrici e meccanici; il risparmio energetico è ottenuto anche attraverso l’utilizzo di appositi sensori per il controllo della luminosità dei locali, integrando la luce artificiale con quella naturale; sensori di presenza sono disposti in ogni ambiente. L’impianto fotovoltaico con pannelli vetro-vetro integrati sulla facciata Sud contribuicono alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. 

   
 3. Gestione delle acque

 

Le acque meteoriche, depurate con sistemi naturali di filtrazione, sono raccolte e utilizzate per irrigazione e raffrescamento bioclimatico; l'eccesso dopo la depurazione viene restituito alla falda; le acque grigie scaricate dai lavabi sono trattate e riutilizzate per gli sciacquoni.

   

4. Bioclimatica e illuminazione naturale

Orientato longitudinalmente secondo l’asse nord-sud, l’edificio presenta l’ampia superficie del fronte principale rivolta a sud per favorire la captazione solare, e una esigua superficie rastremata verso nord per limitare le dispersioni verso l’esterno. Il sistema del verde, delle schermature in pannelli fotovoltaici vetrati e la presenza delle vasche d’acqua poste davanti al fronte principale, favoriscono il controllo microclimatico dell’edificio. La ventilazione naturale degli ambienti è favorita dalla presenza di apposite aperture motorizzate, controllate da sistema domotico che, consentono all’aria di attraversare l’atrio centrale e di fuoriuscire dal lucernario in copertura. L’illuminazione naturale degli ambienti, nonché la prevenzione dei fenomeni di abbagliamento è assicurata: dalla luce zenitale proveniente dal grande lucernario , dai condotti di luce posti in copertura, dalle finestre con integrate all’interno lamelle orientate per il trasporto e controllo della luce. L’isolamento e l’inerzia termica della struttura è garantita dai materiali di tamponamento e dalla presenza di finestre altamente performanti con doppio/triplo vetro basso emissivo.

 
CREDITS

Coordinamento e progetto architettonico: ing. Francesco Marinelli (Studiobiòs Associati)

Progetto architettonico: arch. Barbara Bonadies (Studiobiòs Associati)

Impianti meccanici: ing. Andrea Rocchetti (Studiobiòs Associati)

Impianti idrici: ing. Nicola Martinuzzi (Studiobiòs Associati)

Impianti elettrici: ing. Marcello Cei (Studiobiòs Associati)

Progetto strutture in acciaio e legno: ing. Graziano Pipolo (Pierrequadro)

Consulente esterno progetto strutture in c.a.: ing. Bruno Gatti (Studio Gatti)

Direzione lavori: Studiobiòs Associati-Pierrequadro

Responsabile e Coordinatore alla sicurezza: Ing. Bruno Gatti

Impresa costruttrice: CMR – Cooperativa Muratori Reggiolo

Strutture in acciaio: Stahlbau Pichler

Strutture in legno lamellare: Holzbau

Impianti termoidraulici: Torreggiani impianti

Impianti elettrici: Elettrica Riese

 

PER SAPERNE DI PIU'

Kerakoll GreenLab Project

Holzbau - Kerakoll GreenLab

Premio domotica 2008
 
 
  

Sede legale e operativa: Via La Marmora, 51 - 50121 Firenze
tel. +39.055.4089253 - fax +39.055.475593 - email: info@bios-is.it
C.F. e P.IVA 06393070484 - C.C.I.A.A. di Firenze n° 06393070484 - R.E.A. FI 624950